apri modal-popupadv apri modal-popupadv

Pizza: perché sì!

Non ama le verdure, protesta davanti al pesce, i formaggi anche no! E dunque? Sorprendetelo con un piatto dai mille sapori  

Pizza: perché sì!

Preparare una pizza casalinga, impasto incluso, è una delle attività più coinvolgenti che si possa fare insieme ai bambini. Perché, spiegano gli esperti, diverte, ma soprattutto innalza il livello di concentrazione e incentiva la creatività. In più, sottolinea Augusta Albertini, nutrizionista, «aiuta a superare alcune resistenze alimentari, purché la pizza non venga utilizzata per metterci tutto quel che non piace al nostro bimbo, ma sia una base su cui accostare, in maniera strategica, alimenti graditi al suo palato e cibi, invece, no».

Nutriente e golosa

Con, in più, il vantaggio di poter essere personalizzata. Perché, spiega Albertini, «si può giocare sulle dimensioni e allora sarà grande, a misura di famiglia. Da suddividere in riquadri tutti diversi per farcitura, così da stuzzicare anche i palati più restii».
Alternativa ai riquadri, la pizzetta formato mini che fa molto party.
«E poi la pizza a calzone, con farcitura a sorpresa, la pizza-torta-salata con pasta sopra e sotto, la pizza strudel con pasta sottile in cui avvolgere gli ingredienti». Tanti modi per incuriosire il nostro bambino.

Piatti da maestro

Se vogliamo che impari a mangiare anche quel che non gli va, o che ancora non conosce, la pizza dev’essere «a regola d’arte. Tutti gli ingredienti, dalle verdure al pesce, dagli insaccati alla frutta secca, vanno preparati in anticipo. Sarà spassoso disporli sulla base che, infornata prima con del pomodoro, un film di olio EVO, qualche tocchetto di mozzarella perché non secchi, sarà più digeribile».

Vegetali e insaccati

I primi fanno storcere il naso. I secondi piacciono. Se li mettessimo insieme? Per la serie: oggi pizza ai broccoli, alle cime di rapa o agli spinaci, con cubetti di mortadella e pistacchi sminuzzati. Un tocco crispy che piace. Preferisce il crudo? Via libera ai fichi con lo speck, alla bresaola con la rucola».

Buoni i formaggi!

Ma lui mangerebbe solo grana e mozzarella, neanche con slancio. «La pizza è la base ideale per tutti i latticini. Anche, ad esempio, per i formaggi erborinati, per lo zola, per la scamorza: sapori, questi, che si sposano perfettamente con le pere o le patate, rese croccanti da una manciata di pinoli. Semaforo verde per lo yogurt, denso come quello greco, da abbinare ai cavolfiori o a colorate verdure grigliate. Sì, infine, al mascarpone con noci e speck».

Pizza: la sfida del pesce

La sogliola è un pesce che piace alla maggior parte dei bambini. «Sulla pizza, a cottura ultimata, la metteremo a filetti, con patate a dadini. Sempre a crudo, salmone, un cucchiaio di yogurt, un pizzico di erba cipollina.
Capitolo a parte, le acciughe che fanno bene, ma che hanno un sapore un po’ forte, specie per i bimbi. Lavate e dissalate, possiamo giocarcele con della dolce cipolla rossa di Tropea appassita in padella, perfetta anche con il tonno. E, perché no?, chiudere la pizza a mo’ di wrap e mangiarla con le mani!».

Pesci a misura di bambinoScopri quali sono

di Chiara Amati

Commenti