apri modal-popupadv apri modal-popupadv

La salute dei bambini negli asili e nelle scuole

La salute dei bambini negli asili e nelle scuole

L’ambiente scolastico può ospitare molte fonti di sostanze tossiche e di allergeni di cui i bambini non sono consapevoli. È un problema grave, in quanto i bambini sono molto più vulnerabili degli adulti: il loro sistema immunitario è ancora immaturo, respirano velocemente e la concentrazione degli inquinanti è relativamente maggiore in un corpo di peso minore, come quello dei più piccoli.

Per i bambini, i dati più recenti sia italiani che internazionali mostrano un aumento delle malattie allergiche e dell’asma. Lo studio SIDRIA (Studi Italiani sui Disturbi Respiratori nell’Infanzia e nell’Ambiente) ha stimato che il 20% dei ragazzi con meno di 15 anni ha sofferto o soffre di rinite allergica; il 9,5% dei bambini e il 10,4% degli adolescenti soffrono di sintomi asmatici.

Le malattie respiratorie e allergiche possono influenzare il diritto dei bambini ad andare a scuola, imparare e giocare con i propri compagni. I bambini asmatici e allergici (e le loro famiglie) sono i più vulnerabili: concentrazione e prestazioni scolastiche sono talora condizionate da disturbi del sonno e dagli effetti collaterali dei farmaci, i bambini asmatici sono spesso vittime di atti di bullismo e le cure mediche possono avere costi molto elevati.

Occorre prestare attenzione
I bambini spendono la maggior parte del loro tempo in un ambiente piuttosto particolare per quanto concerne la gestione della qualità dell’area indoor: la scuola e la classe.Le sostanze potenzialmente tossiche e allergizzanti presenti nell’ambiente sono varie, tra queste possiamo elencare come alcuni materiali didattici, da costruzione e di arredo, detergenti chimici, nonché muffe e pollini presenti negli spazi esterni dove i bambini giocano e spendono il loro tempo libero. È infatti nota la correlazione tra tipo di vernice utilizzata, i problemi respiratori e sintomi allergici legati ai VOC. I “composti organici volatili” (VOC), sono quelle microparticelle presenti nell’aria che respiriamo all’interno dei nostri spazi (a casa, a scuola, in ufficio) di cui i più comuni sono la formaldeide, il benzene, i solventi, le pitture e le vernici. Una scelta accurata dei materiali e dei metodi costruttivi è fondamentale per evitare l’insorgere di questo tipo di problemi. Le pitture in particolare, che possono contenere fino a 100 grammi di VOC per ogni litro di pitture, sono molto pericolose. Recenti studi hanno infatti mostrato concentrazioni di VOC significativamente più elevate nelle classi rinnovate da meno di 2 anni. I calcoli dimostrano che con qualità dell’aria percepita “cattiva” il rischio di mal di testa aumenta del 96% e in qualità “neutra” di 31% rispetto alla qualità dell’aria percepita “buona”, con le bambine (21,8%) che lamentano mal di testa più frequenti dei bambini (17,6%). Tenendo presente che il 41% dei bambini trascorre la ricreazione in classe.

Fortunatamente, sono state recentemente sviluppate tecnologie che, utilizzando la luce del sole, permettono di ridurre notevolmente la presenza nell’aria degli ossidi di azoto e di eliminare la presenza di batteri nocivi. Una di queste, si può applicare come una semplice pittura su ogni superficie, trasformando una parete in un depuratore naturale dell’aria che si attiva con la luce. Si chiama Airlite ed è una pittura che scompone gli agenti inquinanti facendoli diventare molecole di sale inerti e che permette di eliminare i cattivi odori, semplicemente se sottoposta all’azione di una fonte luminosa, come la luce del sole o di una lampadina. Oltre all’attività sull’aria, Airlite ha una grande efficacia anche sulla superficie, dove uccide e decompone le cellule dei batteri, evitandone la crescita e bloccando la formazione di muffe. Elimina, tra gli altri, batteri come l’Escherichia Coli, lo Staphylococcus Aureus, la Klebsiella Pneumoniae, tutti responsabili di gravi malattie. Grazie a queste proprietà il suo impiego è consigliato dal Ministero dell’Ambiente, per l’utilizzo negli edifici scolastici.

proprieta-airlite

Il prodotto, che è già commercializzato in tutto il mondo, è disponibile anche in Italia, sotto forma di pittura inorganica ad acqua sia per interni che per esterni. Si applica con un normale pennello, rullo o spruzzatore ad acqua e presenta anche il vantaggio di non contenere i composti organici volatili, come la formaldeide, che possono provocare gravi irritazioni.

risultati-test-airlite

Commenti