apri modal-popupadv apri modal-popupadv

Paura della siringa, la musica aiuta

Paura della siringa, la musica aiuta

La musica è una panacea che cura tutti i tipi di stress. Compresa la paura del dolore della siringa, che talvolta rende difficile la somministrazione delle vaccinazioni al bambino, generando nel contempo ansie nei genitori. Lo ha certificato una ricerca sviluppata da Olivia Swedberg Yinger della Florida State University e pubblicata sul Journal of Music Therapy.

La musica  accompagna il bambino dalla nascita

Già da tempo evidenze scientifiche dimostrano come l’esperienza musicale maturata sin dalla fase prenatale e fino ai primi 6 anni di vita favorisca lo sviluppo cognitivo e sociale del bimbo. Conoscenze che in Italia hanno spinto l’onlus Centro per la Salute del Bambino a sviluppare il programma Nati per la Musica. Adesso dal mondo delle sette note giunge una buona notizia in più.

Qual è la musica anti dolore

La dottoressa Yinger ha monitorato 58 bambini di età compresa fra i 4 e i 6 anni, i loro genitori e le infermiere chiamate a vaccinare i piccoli. Li ha divisi con criteri di assoluta casualità di due gruppi di 29 diadi, somministrando musica rilassante soltanto a uno di questi, mentre l’altro veniva gestito secondo la procedura standard. Il loro comportamento è stato registrato e osservato con attenzione, anche i genitori hanno contribuito alla valutazione complessiva, fornendo una loro classificazione del dolore e dello stress patito dai loro bambini durante le vaccinazioni.

I risultati non lasciano adito a dubbi: il gruppo che aveva beneficiato della musicoterapia ha evidenziato livelli di ansia molto inferiori rispetto a quello sottoposto a procedura standard. L’effetto benefico ha interessato oltretutto anche padri e madri, che a sua volta hanno agito così come fattore antiansiaper i bimbi. Nessuna differenza sostanziale, invece, nella percezione del dolore: l’ago fa sempre un po’ male. L’importante è non farci troppo caso. E la musica, in questo senso, sembra fornire davvero un aiuto importante.

FB.

Commenti