apri modal-popupadv apri modal-popupadv

Giocattoli: la sicurezza prima di tutto

Quando scegliamo i giocattoli bisogna sempre guardare alla sicurezza. Ma per esser certi di mettere in mano ai bambini qualcosa con cui divertirsi e basta, conviene saperne di più...

Giocattoli: la sicurezza prima di tutto

Sul sito www.assogiocattoli.it il decalogo per aiutarvi a verificare la sicurezza 100% dei giocattoli. Ne anticipiamo tre punti chiave:

Scelta: il giocattolo va individuato pensando al bimbo che lo riceve e non per realizzare i propri desideri.

Montaggio: le istruzioni del gioco non sono né una seccatura né una perdita di tempo ma un aiuto da sfruttare per garantirsi un uso sicuro del giocattolo.

Imballi: plastica, espanso, fascette che appartengono alla confezione del giocattolo possono costituire un pericolo per il bambino. Vanno portate via subito.

Giocattoli: occhio alle sigle

L’autenticità del marchio è il primo passo per controllare la sicurezza del gioco. Aiuta ad accertarlo, «la marcatura indelebile, ben visibile e leggibile», spiega Aurelia Fonda del Ministero della Salute. «E il fatto che il marchio non sia inferiore a 5 mm di diametro».

Oltre a quello CE, in Italia esistono altri marchi che forniscono ulteriori garanzie al giocattolo, ma che non sono obbligatori per legge.

Il marchio Giocattoli sicuri, rilasciato dall’Istituto Italiano Sicurezza dei Giocattoli, è ottenuto dopo il superamento di test nell’ambito della sicurezza fisico-meccanica, chimica, elettrica, e verifica anche alcuni requisiti non obbligatori per legge, come,
ad esempio, la presenza di alcuni ftalati pericolosi non listati dal Regolamento REACH o di alcuni solventi pericolosi presenti in specifiche componenti del giocattolo.

La sigla imq dell’Istituto per il marchio di Qualità indica, nell’ambito dei giocattoli elettrici, che il giocattolo è stato sottoposto a test di sicurezza quali prove elettriche, verifiche di infiammabilità, ecc.

Il marchio pegi (Pan European Game Information) relativo ai videogiochi, offre una classificazione che indica, tramite una specifica lista
di simboli, la tipologia del gioco, il grado di violenza, il linguaggio adottato e la fascia di età a cui è rivolto.

Testo del post linkleggi sempre l'etichetta

Giocattoli: occhio a quelli in casa da tempo

«L’usura è indubbiamente un fattore di rischio. Una buona regola è dunque quella di controllare periodicamente il buono stato dei giochi che sono già in casa da tempo», osserva Paolo Taverna, direttore di Assogiocattoli.
«Basta un dettaglio, ad esempio il fatto che lo sportello che custodisce le pile si sia rotto e non si chiuda più, perché un giocattolo che era a norma quando l’abbiamo acquistato, possa avere perso le caratteristiche che lo rendevano tale».

di Francesca Mascheroni

Commenti