apri modal-popupadv apri modal-popupadv

Il gioco, per diventare grandi e per sviluppare autonomia e creatività!

Il gioco, per diventare grandi e per sviluppare autonomia e creatività!

I bambini amano giocare. E’ la prima cosa a cui pensano, l’unica che conta. Ogni genitore se ne rende conto ma di questa “passione” si sono occupati anche gli psicologici. Come Donald Winnicott, pediatra e psicoterapeuta inglese, che è stato tra i primi a segnalare l’importanza del gioco in ambito psicologico.

Il gioco serve a creare le basi della creatività e a scoprire se stessi in qualsiasi cultura umana – sottolinea Luca Pozzi, psicologo dell’Italian Medical Centre di Londra – ma aiuta anche a creare uno spazio in cui si sviluppa l’interazione con il mondo, visto che i bambini attraverso il gioco si muovono tra il mondo interiore, che è permato di immaginazione, e il mondo reale, dove le loro idee diventano delle azioni. Giocare, poi, è anche un modo per affrontare le proprie ansie, perché attraverso il gioco i bambini imparano come soddisfare i propri bisogni, ma esorcizzano anche le paure, quando vogliono fare i supereroi che salvano il mondo in pericolo o lo sceriffo che cattura i cattivi”.

Il gioco, ancora, non è solo necessario per lo sviluppo del corpo e delle capacità intellettive, ma anche per nutrire e creare un ponte tra noi e le altre persone. “Quando il bambino vive il passaggio difficile dell’inserimento al nido o alla scuola materna, che comporta la perdita della vicinanza della madre, proprio il gioco diventa uno degli strumenti fondamentali per creare nuove relazioni con il mondo esterno e in particolare con i coetanei e per riacquistare serenità e un minimo di sicurezza” insiste Pozzi. Secondo la teoria dell’attaccamento, infatti, è proprio il gioco che permette al bambino di esplorare e testare quanto sia indipendente, una fase fondamentale per la sua crescita e il suo sviluppo psicofisico. “Non a caso il bimbo comincia come prima cosa a gattonare, va lontano dalla mamma e poi torna da lei – ricorda lo psicologo.  Attraverso il gioco del gattonamento, il bambino mette alla prova le sue abilità e capacità individuali, scopre se stesso e dà un nuovo significato al rapporto con l’altro e in particolare con il genitore, da cui deve appunto rendersi indipendente”. Secondo gli esperti, quando il bambino inizia la fase di allontanamento dalla madre, che contribuirà a fare di lui un individuo indipendente, la prima cosa che cerca è un oggetto transizionale, che segni questo passaggio all’indipendenza. “Ma l’oggetto in questione nella maggior parte dei casi è un giocattolo, una bambola o un orsacchiotto, ad esempio, che servono a dare sicurezza e a trovare il modo di vivere con indipendenza” insiste Luca Pozzi.

I coloriPer diventare grandi!

Il gioco poi risulta fondamentale anche nella fase in cui il bambino sta sviluppando la propria autonomia intellettiva ed emotiva. “In questo momento impara a giocare da solo, senza chiedere aiuto a mamma e papà, quindi da un lato dimostra quello che sa fare ma dall’altro per primo capisce che può contare sulle proprie competenze e che non ha bisogno di appoggiarsi sempre agli altri” insiste lo psicologo. In questo senso l’ultimo consiglio per i genitori riguarda gli amici immaginari e i mondi di fantasia. “Se un bambino li costruisce non bisogna spaventarsi o fermarlo – conclude Luca Pozzi . – Si tratta di frutti della sua immaginazione, che vanno incentivati se servono a dargli sicurezza e ad aiutarlo nel processo di conquista della sua autonomia e personalità”.

body-jbimbi

L’importanza del gioco è chiara ai creatori del marchio J BIMBI®, che hanno inventato body in Dryarn®, prodotti con la tecnologia seamless, senza cuciture laterali,  per evitare sfregamenti alla pelle delicata del bimbo. Capi comodi, ipoallergenici realizzati con una fibra innovativa, derivata dallo sport, che grazie all’altissimo livello di traspirabilità mantiene sempre asciutta la pelle del bimbo e garantisce il massimo comfort termico (caldo/freddo).

Nelle collezioni, colorate e allegre, sembra di riconoscere un tratto di gioco. Perfetto per vestire bimbi che vogliono crescere e sanno quali sono gli strumenti e le tecniche migliori per farlo.

Commenti