apri modal-popupadv apri modal-popupadv

Non vuole tagliare i capelli: come convincerlo?

Non vuole tagliare i capelli: come convincerlo?

Piange e rifiuta con decisione di farsi tagliare i capelli dal parrucchiere: è un comportamento abbastanza frequente nei bimbi tra i due e i cinque anni di età. Ma qual è il motivo? Si tratta solo di un capriccio o questo atteggiamento nasconde qualcosa di più?

Capigliatura, una parte di sé

“A questa età, il piccolo ha appena sviluppato la consapevolezza di essere un’unità corporea: tutte le operazione che interessano il suo corpo possono essere quindi vissute come una sorta di minaccia“, spiega Giuseppe Benincasa, neuropsichiatra infantile a Milano. “Tagliare i capelli – qualche volta anche le unghie– significa ‘togliere qualcosa’ da quell’io che il bimbo sta costruendo”.

Che cosa va perduto se si lascia tagliare i capelli?

Innanzitutto, non bisogna considerare questo atteggiamento come un semplice capriccio. Sgridarlo è inutile, anzi controproducente: il piccolo, infatti, potrebbe irrigidirsi ancora di più sul suo rifiuto. Piuttosto, va rassicurato, in modo che senta che mamma e papà comprendono questo suo timore. Occorre ricordargli che i capelli ricresceranno presto e spiegargli che, tagliandoli, non si ‘perde’ niente di sé: la persona resta la stessa, solo più ordinata.

I trucchi da usare per convincerlo

Una buona idea può essere quella di portarlo dal parrucchiere quando la mamma o il papà devono tagliare i capelli, in modo che possa semplicemente assistere. Una volta tornati a casa, poi, giocare al parrucchiere lo aiuterà ad acquisire ulteriore familiarità con le operazioni che ha visto eseguire. Se poi c’è un cuginetto, o un amichetto, che ha bisogno di una ‘sistematina’ ai capelli, perché non approfittarne e andare insieme dal parrucchiere? Sicuramente sarà più piacevole per il piccolo e la presenza di un altro bimbo contribuirà a dissipare i timori. Anche fare una foto ‘prima’ e ‘dopo’ la seduta può essere divertente. È importante, inoltre, ascoltare le sue preferenze: se il piccolo, ad esempio, ama i capelli lunghi, si può puntare su una ‘via di mezzo’, evitando di imporre a tutti i costi un taglio supercorto. Infine, non dimenticare di lodarlo e di assicurargli che la nuova pettinatura gli sta proprio bene!

di Francesca Mascheroni  

Commenti