apri modal-popupadv apri modal-popupadv

Una filastrocca per il 29 febbraio

Una filastrocca per il 29 febbraio

Filastrocca per il 29 febbraio

Nel paese di Nessuno-sa-dov’è 366 bimbetti
ballano, giocano, si fanno i dispetti
In attesa di scendere nel mondo
Ciascuno impersonando un solo giorno.

Ci sono i 91 bimbi Primavera
Vestiti di foglie tenerelle
E capaci di azioni pazzerelle:
Come passar dal pianto al riso
Senza alcun preavviso.

Ci sono i 92 bambini Estate
Hanno la pelle d’oro e coroncine di spighe sulla testa
Con loro è come se fosse sempre festa.
Sono affettuosi e quando di notte il cielo è tutto nero,
Ti indicano la stella che può rendere un tuo sogno vero.

E 91 sono i bimbi Autunno
Hanno gli occhi blu scuro come l’uva fragolina
Strano ma vero: tra loro c’è un’unica bambina
Ha i capelli rossicci, ama la pioggia e soprattutto andare a scuola
Perché in aula, con tutti i suoi compagni, mai si sente sola.

Infine ci sono i 91 piccolini Inverno
Sono diafani, con occhi d’argento e merletti di brina nei capelli
Qualcuno li considera i più belli.
Odorano di abeti bianchi di neve e invitano ad accendere il camino
Ma tra loro ce n’è uno realmente troppo birichino…

Il suo nome è Ventinove Febbraio
La sua specialità è fare ogni minuto un guaio
Uno per tutti: finite le sue 24 ore dentro al mondo
Anziché tornare a casa si mette a fare un girotondo
E tutti a urlargli dal paese di Nessuno-sa-dov’è:
“È il turno di Uno Marzo ora!  Forza, sparisci, non tocca mica a te!”

Dopodiché la tata di tutti quei bimbetti gli appioppa un castigo davvero esemplare:
“Per 4 anni sulla terra non potrai più andare,
Ma starai sempre qui con me
Nel paese di Nessuno-sa-dov’è.
E questa punizione ancora e ancora avrai
fino a quanto a rispettare i turni imparerai!”

Ma Ventinove Febbraio è un discolaccio sordo ai richiami e pure un po’ testone
Quindi, dopo aver scontato la sua lunghissima prigione,
Scende nel mondo e dopo le sue 24 ore di tornare a casa non gli passa neanche per la mente
Incurante che Primo Marzo di subentrargli sia impaziente…
E nella frenesia di stare ancora riesce a fare cento e più malanni
Così la tata prima lo riacciuffa poi lo mette in castigo per altri 4 anni.

 

Commenti