apri modal-popupadv apri modal-popupadv

Un’infezione molto fastidiosa: la stomatite

Un'infezione molto fastidiosa: la stomatite

«Non è colpa della cioccolata se ai bambini viene la stomatite!», Maurizio De Martino, direttore della Clinica Pediatrica I dell’Ospedale Meyer di Firenze, difende i dolciumi accusati ingiustamente di provocare dolorose bollicine sulle mucose orali dei piccoli. «Altre sono le cause di questo disturbo estremamente fastidioso, che richiede sempre una visita dal pediatra di fiducia», dice De Martino
La stomatite si manifesta con la comparsa di una o più bollicine, irritate e doloranti, sulle gengive, l’interno delle guance, la lingua o le labbra. Talvolta può essere accompagnata da febbre, anche elevata.

La stomatite ha un’origine virale

«Nella maggior parte dei casi queste fastidiosissime eruzioni sono di origine virale», spiega il pediatra. «Quando le bollicine tendono a recidivare e compaiono sempre nello stesso punto, sono probabilmente dovute a un herpes. Se invece sono diffuse in tutta la bocca e accompagnate da febbre, spesso sono provocate dal Coxsackie virus. Più raramente possono avere diversa origine: possono essere il sintomo iniziale dell’intolleranza al glutine o manifestazioni di altre patologie. È sempre opportuno che il bimbo con la stomatite venga visitato dal pediatra per fare la diagnosi corretta».

È una forma di stomatite anche il mughetto, cioè la micosi da Candida Albicans, che colpisce spesso i lattanti, facilmente riconoscibile per il colore bianco delle placche che si formano sulla lingua e sulla gola del bimbo. «Per prevenire la candidosi del neonato e del bambino più grandicello bisogna prestare particolare attenzione all’igiene di quel che entra in contatto con la sua bocca: ciucci, tettarelle, le mani degli adulti, eventuali oggetti che il piccolo afferra e ‘assaggia’», dice De Martino.

La stessa accortezza vale per prevenire le stomatiti di origine virale. «Evitare lo scambio di posate e di bicchieri e lavare bene le mani prima di sedere a tavola sono due norme igieniche fondamentali», osserva il pediatra.

Come si cura la stomatite

Occorre una diagnosi corretta per intervenire in modo appropriato. «Contro l’herpes, oggi si trovano in commercio delle pomate antivirali molto efficaci da applicare sulla lesione non appena questa si manifesta”, dice De Martino. “Invece, contro il Coxsackie virus non c’è nulla da fare: bisogna aspettare che l’infezione faccia il suo corso. Per attenuare il bruciore delle mucose, la mamma può applicare nella bocca del bimbo una pomatina rinfrescante. Si trovano in farmacia senza bisogno di prescrizione».
Con la bocca infiammata, il piccolo sente dolore quando mangia e spesso rifiuta il cibo. «È comprensibile», commenta il pediatra. «Gli alimenti più accettabili in queste condizioni sono quelli liquidi o semiliquidi, freschi e insipidi. Da evitare, ovviamente, la frutta e i succhi aspri, come il kiwi o l’arancia».

di Cristina Valsecchi

Commenti