apri modal-popupadv apri modal-popupadv

Carolina Kostner Insieme a noi

 

Carolina Kostner Insieme a noi

Prima di partire per le Olimpiadi invernali di Seul, Carolina Kostner, la più grande campionessa italiana di pattinaggio di figura di tutti i tempi, ha voluto mandare un messaggio di dolcezza e tenacia alle famiglie di Insieme e a tutti i bambini che, appassionati come lei, passano molto tempo sul ghiaccio.

Una vita di medaglie, le Olimpiadi di Pyeongchang alle porte e qualche insuccesso…

«Lo sport insegna tantissimo e le lezioni, in oltre 20 anni di attività, sono state per me molte. Il periodo lontano dalle gare (Carolina Kostner è stata squalificata 21 mesi per omessa denuncia nel caso Schwazer, ndr) è stato tra i più difficili. D’altra parte, come mi capita spesso di dire, un atleta non è un robot con il tasto on/off: sovente bisogna fare i conti con i propri limiti. Ma il bello della vita è anche quello di cercare di superarli. Il bilancio è sempre positivo, sebbene alle volte si è costretti a passare attraverso tunnel bui, per poi tornare alla luce più forti di prima. Sicuramente il periodo in cui ho dovuto affrontare la sospensione è stato tra i più complicati della mia vita, se non quello più complicato in assoluto. A posteriori posso dire, con orgoglio, di averlo superato e di essere, oggi, interiormente più forte!».

Cos’è per lei il pattinaggio?

«La mia passione da sempre, la mia salvezza. Tornare a pattinare mi ha permesso di riappropriarmi della mia vita. Capita a tutti di dover fare i conti con qualcosa che non va. Quel che importa è andare avanti, lame tra i denti o sotto ai piedi. Se poi salti, vedi tutto da un’altra prospettiva. Un rischio perché devi anche atterrare: ma è stupendo rialzarsi con grinta. Dopo tanti anni di attività, niente mi rende più felice che infilare i miei pattini, ogni giorno».

Sono tantissimi i bambini che la seguono…

«Sì e ne vado fiera perché rappresentano quella fetta di mondo dove si può essere se stessi senza filtri. A loro cerco di trasmettere il valore dell’amicizia, del rispetto, della competizione pulita. Della pazienza, dell’umiltà, del divertimento che, pure, non dovrebbero mai mancare. Le scorciatoie, invece, sono sempre vicoli ciechi. Approfitto per lanciare un messaggio, che ha il gusto di un appello, alle nuove generazioni di pattinatrici italiane: spero davvero tanto che non debbano più spostarsi all’estero sin da giovanissime per seguire la propria passione, ma possano trovare nella nostra magnifica Italia tutto ciò che serve. E, poi, dico di andare avanti con l’ambizione di voler imparare sempre qualcosa e di non rinunciare mai ai sogni. La vera ricchezza la lascerà il viaggio percorso, non la meta».

Carolina Kostner: un messaggio ai genitori

«Personalmente trovo che sia fondamentale il modo con cui i genitori fanno avvicinare i figli allo sport. Mi dicono che sono un esempio per le nuove generazioni, il che è molto bello e gratificante, ma comporta anche una grande responsabilità. Soprattutto in una società in cui c’è tanto bisogno di motivazione e ispirazione tra i giovani.
Lo sport fa parte del mio io più profondo. Sono convinta che sia fondamentale il ruolo del genitore nel far innamorare i figli: del pattinaggio in particolare, di ogni disciplina in generale. Qualunque essa sia, perché la passione del genitore non deve per forza diventare quella del figlio, ma bisogna essere così bravi da cercare di capire quali siano le preferenze e le maggiori abilità dei propri bimbi e cercare di svilupparle. Trovo che ogni sport sia speciale e meriti di essere vissuto con dedizione e allegria».

Pattinaggio sul ghiaccioQuel che c'è da sapere

Il suo grazie più grande a…?

«Mi sono resa conto, con il tempo, che nulla si può fare totalmente da soli, ma che bisogna trovare le persone giuste che ci possono accompagnare nel cammino della vita, anche sportiva. Ogni risultato raggiunto è frutto del lavoro di un team unito e forte. E in questo devo ringraziare di cuore innanzitutto la mia famiglia, che mi ha sempre supportato, il mio corpo di appartenenza, le Fiamme Azzurre, il mio management e, naturalmente, il grande affetto dei miei fan di tutto il mondo». Carolina Kostner – www.carolina-kostner.it/it

di Chiara Amati

Commenti