apri modal-popupadv apri modal-popupadv

Galateo in spiaggia, 10 regole da ricordare

Galateo in spiaggia, 10 regole da ricordare

Il galateo in spiaggia: facciamo che la maleducazione non sbarchi in spiaggia che, non dimentichiamolo, è un luogo pubblico. Dunque è opportuno che anche in riva al mare tutti si comportino secondo regole di buon senso, nel rispetto delle esigenze altrui. È quanto sottolinea Laura Pranzetti Lombardini in una parte del suo saggio “Galateo delle relazioni quotidiane” (Giunti Demetra). Ecco alcuni dei suggerimenti dell’autrice per tenere un comportamento impeccabile sotto l’ombrellone.

  1. L’esempio più classico della maleducazione in spiaggia è sollevare la sabbia, complici anche le ciabattine. Per evitare il problema, cercate di camminare sempre adagio. Se invece siete vittima della maleducazione altrui, non esitate a farlo presente, sempre con molta gentilezza e senza dimenticare un sorriso.
  2. Schizzare gli altri bagnanti può capitare per sbaglio, senza accorgersene. Se invece qualcuno lo fa sistematicamente, meglio segnalarlo al bagnino.
  3. Se i bimbi piangono, è compito dei genitori intervenire: non bisogna mai cedere alla tentazione di farlo di persona, magari sgridando il piccolo. Semmai, se la situazione è davvero insostenibile, meglio rivolgersi con diplomazia a mamma e papà.
  4. Evitate di giocare a palla o con i racchettoni vicino a chi vuole riposare e stare in pace.
  5. Anche ascoltare la musica ad alto volume è questione di educazione. Pure in questo caso, se il molestatore staziona disgraziatamente nei nostri paraggi, è bene far presente le nostre esigenze con calma e diplomazia. Magari suggerendo l’uso di cuffie e auricolari.
  6. I gioielli non si abbronzano, il trucco sotto il sole fa emergere chiazze sulla pelle: meglio evitare di sfoggiarli in spiaggia.
  7. Appena arrivati o quando andate via, salutate i vostri vicini di ombrellone: si tratta di persone con cui trascorrerete ore di vicinanza obbligata, dunque essere gentili ed educati non costa nulla e migliora la reciproca tolleranza, proprio come in un condominio.
  8. Non ci sono limitazioni per chi fuma all’aperto, dunque neppure sull’arenile, però ogni tabagista dovrebbe essere munito di un contenitore – basta anche un bicchiere di plastica con un po’ d’acqua – dove riporre cenere e mozziconi. Discorso analogo vale per i masticatori di chewing gum.
  9. Prima di lasciare la spiaggia raccogliete tutta la vostra “produzione” in termini di giornali, cartacce, bottigliette. Non è giusto che lo faccia il bagnino.
  10. Fate attenzione a non occupare zone altrui con asciugamani, lettini, materassini o giochi per bimbi.

FB.

 

Commenti