apri modal-popupadv apri modal-popupadv

Insieme a… Parigi!

Insieme a... Parigi!
Guarda la gallery

Un weekend nella città più romantica (e divertente) d’Europa? Il nostro viaggio parte da un luogo molto speciale, per andare alla scoperta delle mete e degli appuntamenti.

A Parigi i bambini scoprono un nuovo modo di vivere la storia e la cultura, grazie a percorsi ed eventi pensati apposta per loro. Qualche idea? La mostra Il était une fois che permette di scoprire le scienze
dentro le fiabe classiche (alla Cité des sciences et de l’industrie, fino al 18 settembre).

Per chi ama il mare all’Aquarium tropical de la Porte Dorée imperdibile l’esposizione Cyclops con stimolanti attività interattive (fino al 2 settembre).

Se volete sentirvi come Charlie in “Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato” la meta perfetta è
Le musée gourmand du chocolat che alle famiglie propone un percorso ludico, interattivo e, soprattutto, golosissimo. Per scoprire tutti i segreti dell’alimento più amato da grandi e piccini (dalla storia alle tante varietà). Con un’unica regola: vietato non leccarsi le dita!

Un modo strategico per conoscere la città “vera” è quello di visitare i mercati di prodotti tipici.
Tra i tanti, consigliamo il Saxe-Breteuil, all’aperto e con vista sulla Tour Eiffel. Oppure quello di Place des Fêtes, più tranquillo e conviviale. Non perdetevi la bancarella dei mieli dell’apicoltore Rémy
Vanbremeersch!

In pratica, per raggiungere Parigi scegliete i voli Air France: più di 270 collegamenti a settimana dall’Italia (da Torino, Milano Malpensa e Linate, Venezia, Genova, Bologna, Firenze, Roma e Napoli).

Trasporti pubblici e metropolitana: i bambini sotto i 4 anni viaggiano gratis, mentre dai 4 agli 11 anni si ha diritto a una riduzione del 50%. Per più giorni conviene l’abbonamento Paris Visite.

Ogni prima domenica del mese i musei sono gratuiti per grandi e bambini. Negli altri periodi la maggior parte delle strutture sono gratuite per gli under 18.

Tutte le informazioni per viaggiare tranquilli con bimbi al seguito su www.france.fr e su parisinfo.com (compresi numeri utili per le emergenze).

Commenti