Le caffetterie dei bambini, il Giappone fa scuola | Insieme in famiglia

Le caffetterie dei bambini, il Giappone fa scuola

Le caffetterie dei bambini, il Giappone fa scuola

Consente di distribuire un pasto caldo gratuito, o a prezzi calmierati (non più di 2 euro), ai bambini disagiati del Giappone, Paese in cui – proprio come da noi – la crisi morde da tempo. Il programma Kodomo-Shokudo ha fatto fiorire molti luoghi di ristorazione destinati all’alimentazione dei bimbi: gestiti da volontari, sono aperti di norma un giorno alla settimana e vengono sostenuti da donazioni. Di solito frequentano un Kodomo-Shokudo bimbi provenienti da nuclei familiari a basso reddito, o in cui i genitori non hanno il tempo di preparare un pasto adeguato per i figli perché troppo impegnati con il lavoro. E chissà che il modello non sia esportabile anche in Italia, dove ormai un milione circa di minorenni vive sotto la soglia di povertà. E dove si è scatenata, anche per ragioni economiche, una guerra di religione intorno alle mense scolastiche.

A Tokyo e dintorni l’iniziativa ha preso campo in breve tempo e nelle caffetterie dei bambini – così vengono chiamate abitualmente – avviene anche altro, oltre alla distribuzione di zuppe (come nella foto di Shizuo Kambayashi dell’agenzia giornalistica Ap). Per esempio, esistono realtà in cui i piccoli hanno a disposizione spazi per giocare o per studiare prima e dopo il pasto, o alle quali possono accedere anche adulti e stranieri. In alcuni casi, i genitori che partecipano al programma assieme ai figli possono trovare in un Kodomo-Shokudo anche assistenza psicologica. Di solito queste iniziative sono ospitate all’interno di negozi, più raramente dentro le case, a causa dei problemi logistici connessi a una ristorazione massiva. Proprio per questo motivo i più gettonati, in realtà, sono i templi, normalmente equipaggiati con cucine attrezzate e dove abbondano gli spazi per far giocare i bambini: un vantaggio, quest’ultimo, dell’applicazione in architettura del concetto di vuoto, caposaldo filosofico dello Zen giapponese.

FB.

Commenti