Coppia e società: se l'amore è (sempre) in vetrina | Insieme

Coppia e società: se l’amore è (sempre) in vetrina

Foto, video, post... Per condividere e per farsi vedere. Ma il rischio è quello di nuocere alla relazione

Coppia e società: se l'amore è (sempre) in vetrina

Dal fidanzamento a Instagram: come è cambiato il rapporto tra coppia e società? «Le feste di fidanzamento con amici e parenti, le partecipazioni di matrimonio, le cerimonie… Sono tutti rituali che hanno la funzione di ‘legittimare’ la coppia attraverso l’impegno pubblico». A dirlo è Alessia Gollini, psicologa e psicoterapeuta di Roma. «Il legame tra due persone ha sempre avuto una componente sociale. In passato, però, il confine tra pubblico e privato era ben chiaro». Negli ultimi anni l’avvento di Internet ha condotto la socializzazione agli estremi. «Oggi possediamo strumenti che ci permettono di portare all’esterno qualunque elemento privato della nostra vita», dice Gollini. «La linea di demarcazione tra intimo e sociale si è fatta più confusa ed è facile esagerare». Qual è allora la giusta misura? «È questione di buon senso», risponde Gollini. «L’esposizione è eccessiva quando crea problemi. Quando la sostanza del rapporto si svuota. E quel che rimane è soltanto l’apparenza, il riflesso negli occhi degli altri».

Una spia di insicurezza

Coppia e società: che cosa spinge a mettersi in mostra? La necessità di avere l’approvazione degli altri per definire se stessi e il proprio successo sentimentale è un segnale di fragilità, di insicurezza. «L’insicurezza è il primo motore e al tempo stesso una conseguenza della sovraesposizione sociale», spiega la psicologa. «Può essere il problema di uno dei due partner, frutto della sua storia personale. Ma anche dei modelli che ha interiorizzato nell’infanzia. Oppure il rapporto è fragile ed entrambi ne traggono poca serenità. La sovraesposizione, però, non è la soluzione giusta. Non è in grado di colmare il vuoto, anzi lo accentua. Vincola infatti la realizzazione al giudizio altrui e genera ancora più insicurezza».

Infedeltà: vera o presunta?Scoprilo qui

Sos gelosia

Un altro elemento che gioca un ruolo importante è la gelosia, con la volontà di affermare il possesso della persona amata. Per la serie: “Guardate che bello, sappiate che è mio”. «Non a caso la gelosia va sempre a braccetto con l’insicurezza», ribadisce Gollini. «Deriva dall’esigenza di marcare il territorio. E, spesso, le esibizioni delle coppie sui social hanno proprio questa funzione. Il partner geloso si accerta così che i contatti siano a conoscenza del legame».

Una situazione squilibrata

Se il gioco piace solo a uno dei due, prima o poi l’altro si stanca. Spesso, capita che uno dei due partner sia più affamato di visibilità e che l’altro si lasci trascinare. «All’inizio della storia, l’entusiasmo può contagiare entrambi. Ma se c’è poco equilibrio e la spinta a esporsi viene da una parte sola, prima o poi il partner più riservato si stancherà. E l’argomento potrà diventare motivo di tensione tra i due», avverte la psicologa. «In questi casi, consiglio di parlarne apertamente prima che la situazione sfugga di mano. E che la necessità di mantenere le apparenze si faccia pressante. Il rischio è che uno dei due si senta costretto, vincolato dall’altro. E che arrivi al punto di rottura senza preavviso. I problemi vanno sempre affrontati per tempo e in modo costruttivo. È del tutto lecito chiedere un maggior rispetto della propria privacy».

Coppia e società: apparenza vs sostanza

L’esposizione è rischiosa anche se la vogliono entrambi. E se lei e lui, in quanto incarnazione perfetta del’equazione coppia e società, amano la visibilità? Certamente la situazione è più equilibrata. Nulla vieta di esprimere in pubblico la gioia di stare insieme. «Alla lunga, però, il gioco diventa rischioso. Se la sfera sociale invade quella privata, l’intimità si svaluta di fronte all’apparenza», commenta Gollini. «L’autenticità dei sentimenti perde importanza a confronto con l’immagine, con la percezione da parte degli altri. ‘Sono felice solo se gli altri invidiano la mia felicità’ è una condizione pericolosa. La coppia infatti rischia di perdere di vista se stessa per attenersi a un copione da cui non riesce a sfuggire. Si rischia di vivere in una sorta di realtà virtuale che sostituisce la profondità dei sentimenti. A volte si innescano meccanismi di competizione, che impongono di dimostrare di essere sempre i più felici, i più affiatati. Così, eventuali problemi vengono rimossi. Finché non diventa  troppo tardi per affrontarli».

di Maria Cristina Valsecchi

Commenti