apri modal-popupadv apri modal-popupadv

7 cose che devi sapere sulle tonsille

7 cose che devi sapere sulle tonsille

Le tonsille sono, loro malgrado, le protagoniste di tanti mal di gola del bambino, con accompagnamento di raffreddori, febbre, etc… per forza finiscono ad essere un po’ “antipatiche”. Ma leggete qui e scoprirete quanto c’è di buono anche in loro, grazie alle curiose notizie tratte da L’intestino felice (Enders Giulia, 16.50 euro, Rizzoli editore).

1. Di tonsille ce ne sono tre tipi

Tonsille linguali, palatine – ai lati del palato, che sono quelle a cui ci si riferisce normalmente – e faringee – posizionate nei pressi del naso e delle orecchie (quelle chiamate normalmente adenoidi). Tutte e tre  costituiscono un’area di tessuto linfatico con un unico scopo, di investigazione e lotta alle infezioni.

2. Sono come piccoli detective

«Analizzano tutto quel che ingoiamo attirando minuscole particelle di bevande, cibo e fiato al proprio interno e lo sottopongono al vaglio delle cellule immunitarie che proprio nelle tonsille risiedono».

3. Talvolta si fanno prendere un po’ la mano

Svolgono con molto zelo il loro compito e finiscono per infiammarsi più del dovuto. Infatti normalmente si stabilisce un equilibrio tra l’azione di distruzione dei germi patogeni compiuta dalle tonsille, attraverso la produzione di anticorpi specifici, e l’entità dell’infiammazione che questo comporta. Se questo equilibrio viene meno, il numero delle infezioni aumenta sensibilmente, tonsille ed adenoidi esauriscono la loro azione di difesa e finiscono per “danneggiare” la salute del bambino.

4. Alle tonsille non si rinuncia con leggerezza

Secondo gli otorinolaringoiatri , che hanno redatto fior di linee guida per il trattamento delle tonsille “stressate”, non basta qualche episodio di tonsillite per decidere di asportare le tonsille che hanno compiti complessi, ben oltre il fatto di sventare infezioni delle basse vie aeree  bronchi e polmoni). Ci vogliono almeno 5 o 6 episodi di tonsillite acuta nell’arco di 12 mesi, infatti, per prendere in considerazione l’ipotesi dell’intervento. Non solo. Si consiglia di posticipare la decisione finale di altri 6 mesi.

5. Togliere le tonsille aumenta il rischio d’ingrassare

Non si è ancora in grado di spiegarne il perché, ma se ci si libera delle tonsille prima dei 7 anni aumenta il rischio di crescere sovrappeso. Forse questo implica che le tonsille hanno un ruolo anche per la regolazione del peso corporeo.

6. Le tonsille hanno un ruolo nella salute del cuore

Talvolta, infatti, le tonsilliti sono determinate dallo streptococco emolitoco di gruppo A, lo stesso che, qualora scavalchi lo sbarramento costituito dalle tonsille, può provocare disturbi cardiaci (endocardite) e indirettamente problemi reumatici.

7. Il momento migliore per operarsi è dopo i sette anni

A quel punto, si ritiene, il compito primario delle tonsille è terminato, il sistema immunitario si è confrontato con i principali agenti patogeni, ha imparato a combatterli e dunque  “terminati gli studi, può cominciare a lavorare normalmente per il resto dei suoi giorni”. Un intervento precoce di tonsillectomia ha senso, dunque, solo se “le tonsille sono talmente ingrossate da compromettere il sonno e la respirazione”.

Commenti