apri modal-popupadv apri modal-popupadv

Insieme… Al Muba, il Museo dei Bambini di Milano

Insieme... Al Muba, il Museo dei Bambini di Milano
Guarda la gallery

Se non hai ancora scoperto il mondo un po’ magico del MUBA, il Museo dei bambini di Milano, guardati la gallery del servizio Il posto dei giochi (su Insieme di novembre, in edicola in queste settimane) e fatti un bel giro insieme a noi. La nostra giornata è iniziata all’insegna del gioco e della creatività, filo conduttore di tutti i percorsi proposti qui. Dove ci troviamo? Il Muba nasce in un bellissimo contesto nel cuore della città, la Rotonda della Besana, un luogo storico che già da solo vale la visita. Qui si incontra un mondo tutto dedicato ai bambini, dove si sviluppano progetti culturali e artistici, all’interno dei quali il gioco è sempre protagonista.

Qualche idea? Visita la bellissima mostra Colore. Giocare con la luce alla scoperta del colore, un percorso attivo e sensoriale che porta i piccoli visitatori in viaggio nel mondo della luce e del colore attraverso la sperimentazione e l’uso di tutti i sensi (fino al 6 gennaio 2019). L’esperienza diretta è un’altra delle parole chiave di questo museo molto speciale, dove i bambini possono (e devono) giocare, pensare, fare, crescere, emozionarsi, divertirsi, toccare, annusare, sperimentare!

Ad esempio attraverso uno dei laboratori più amati dai piccoli, Re Mida, uno spazio dove si allenano immaginazione e manualitàattraverso il riutilizzo creativo di materiali scartati dalla produzione industriale. Mettiti alla prova e ne usciranno idee che neanche immaginavi di avere!! Altri buoni motivi per programmare un pomeriggio al Muba? Leggili qui!

E a farci compagnia durante questa speciale giornata di giochi e magia, la collezione autunno/inverno di Chicco, un vero concentrato di colore ed energia, perfetto per le avventure di ogni giorno! Se non ti è bastata la gallery qui sopra, puoi sempre dare un’occhiata al nostro approfondimento sulla collezione, scegli l’outfit che più vi piace e… via a giocare!

di Oriana Picceni

foto: Betty Colombo

Commenti