Insieme... Al Museo Storico Alfa Romeo dove il divertimento va veloce

Insieme… Al Museo Storico Alfa Romeo dove il divertimento va veloce

Insieme... Al Museo Storico Alfa Romeo dove il divertimento va veloce

Abbiamo trascorso una giornata davvero speciale, in un luogo dal fascino unico: La Macchina del tempo Museo Storico Alfa Romeo di Arese, per un viaggio tra passato e futuro alla scoperta di automobili leggendarie.

E non parliamo di un semplice museo, ma di un luogo un po’ magico, in cui la storia si intreccia con la cultura, la tecnologia e il mito di un grande marchio italiano riconosciuto in tutto il mondo.
Diviso in tre sezioni, che occupano rispettivamente i diversi piani della struttura, il museo permette di esplorare tutto l’universo Alfa Romeo: Timeline (la storia), Bellezza (l’estetica) e Velocità (lo sport).

Lungo il percorso sono esposti i 69 modelli Alfa Romeo che hanno segnato non solo l’evoluzione del marchio, ma la storia stessa dell’auto. Per un vero e proprio viaggio tra passato, presente e futuro! Alla fine del percorso si trova anche una delle attività più amate dai bambini: l’esperienzia multimediale al Cinema 4D, dove su poltrone interattive si ‘vivono’ adrenalinici filmati dedicati ai leggendari successi Alfa Romeo.

E se ci si va con la scuola, non perderti i laboratori e i persorsi didattici: da una speciale caccia
al tesoro fino alle regole di sicurezza stradale, dalla storia del marchio al car design, il museo offre infatti un’ampia proposta di visite tematiche, workshop creativi e giochi di squadra per tutte le età.
Insomma, una giornata al Museo Storico Alfa Romeo è un’esperienza perfetta per tutta la famiglia: dopo la visita guidata, il Cinema 4D e un passaggio allo store per un irresistibile souvenir, non resta che fare una golosissima merenda alla caffetteria!

Ricordati di vestirti con capi comodi e pratici, perché il viaggio tra passato, presente e futuro, sarà piuttosto movimentato… noi abbiamo scelto l’ultima collezione firmata Melby e Nucleo e ci siamo divertiti moltissimo!

di Maria Giovanna Aceti

Testi di Oriana Picceni – foto di Betty Colombo per Insieme

Commenti