La Natura si trova al museo | Insieme in famiglia

La Natura si trova al museo

La Natura si trova al museo
Guarda la gallery

Metti una domenica a Milano, quando si avrebbe tanta voglia di immergersi nella natura, ma non si sa bene dove andare. Metti un museo che la Natura l’ha portata persino dentro le sue mura, sottoforma di mostra, e dove ogni cosa è fatta per essere toccata, provata, annusata e sperimentata. Metti un luogo storico nel cuore della città, la Rotonda della Besana, che già da solo vale la visita. Metti un pomeriggio da trascorrere insieme… e il gioco è fatto! Il Muba-Museo dei bambini di Milano è diventato oggi uno dei punti di riferimento per le famiglie della città, ma anche per chi è solo di passaggio. Scopriamo che cosa si può fare una volta entrati in questo mondo un po’ magico.

Natura. Giocare e scoprire la natura con occhi nuovi

In mostra fino al 6 gennaio 2020, questo bellissimo percorso attivo e sensoriale porta i bambini in viaggio nel mondo della natura attraverso quattro diverse postazioni di gioco, ognuna delle quali indaga una categoria di conoscenza ben precisa. La mostra nasce infatti con l’obiettivo di ampliare la capacità di osservazione dei bambini, fornendo loro strumenti che facilitino l’esplorazione della natura e proponendo attività ed esperienze che non si possono trovare “fuori” in una situazione
naturalistica tradizionale.

IL PRATO SMISURATO è dedicata al concetto di spazio: i bambini si ritrovano a giocare dentro ad un
prato fuori scala dove si “nascondono” animali e vegetali proposti in tre dimensioni differenti.
Di volta in volta, in base alla scelta degli elementi e al loro posizionamento all’interno del prato, il paesaggio assume un aspetto diverso, lasciando la possibilità di osservare uno spazio in continuo
mutamento e di indagare le relazioni esistenti tra gli elementi che lo compongono.

IL GIARDINO INCARTATO affronta invece le forme presenti in natura, approfondendo in particolare il tema della ricorsività. La linea, il cerchio, la raggiera e la spirale sono esempi di forme che tornano
con continuità in diversi elementi naturali e che qui possono essere esplorate con le mani, con gli
occhi e con tutto il corpo. L’interazione con strutture di carta modulabili di grandi dimensioni, che
ricordano gli origami di tradizione giapponese, permette di modificarne di volta in volta la forma
esplorandone le ricorrenze.

LA CAMERA DELLE MERAVIGLIE indaga il concetto di materia partendo dall’allestimento di una vera e propria “wunderkammer” contenente una raccolta di materiali naturali e oggetti speciali. I differenti elementi naturali presenti sono esplorabili innanzitutto attraverso i sensi e anche attraverso l’uso di ingrandimenti. Possono nascere così osservazioni inedite e domande curiose intorno al mondo
naturale, alle sue materie, a chi lo abita.

IL PAESAGGIO DI PASSAGGIO chiude la mostra: si tratta di un percorso che si snoda attraverso otto passaggi nei quali i bambini scoprono come in natura esistano diverse e possibili sfumature dei
colori naturali. Perché non esiste un solo blu cielo o verde prato, ma ogni colore presenta svariate
sfumature e le possibilità sono infinite se solo si osserva con attenzione la natura circostante.

Re Mida: il laboratorio sul riuso creativo

Non si può non spalancare gli occhi dalla meraviglia, appena si entra nella sala dove si svolgono i laboratori pensati per i bambini dai 2 agli 11 anni, ma anche per i piccolissimi: qui si troveranno grandi ceste trasparenti traboccanti di materiali di riciclo di ogni genere. Perché qui un pezzo di stoffa, una corda, il flacone del sapone o un tappo di sughero possono diventare l’inizio di un grande progetto. E non è tutto, perché attraverso i laboratori sul riuso creativo dei materiali di scarto ci si può avvicinare anche all’arte contemporanea.

I DidòLab: un tuffo morbidissimo

Un week end al mese MUBA ospita l’attività DidòLAB, a cura di FILA. I bambini (dai 2 ai 6 anni) insieme ai loro genitori vivono un’esperienza sensoriale in formato maxi. L’attività è studiata per stimolare la manipolazione e la sperimentazione sensoriale secondo gli affascinanti concetti del fuori scala, dell’immersione, dell’alto impatto visivo e dei nuovi strumenti. I bambini potranno camminare a piedi nudi sulla morbida pasta, giocare con impronte, tracce e segni, prelevare piccole porzioni di Didò per manipolarle e lasciarsi trasportare dalla propria creatività. Il DidòLab è una delle attività più amate dai visitatori del Muba, e non ci stupisce! Per questo il 17 dicembre sul sito del museo ci sarà la possibilità di prenotare una nuova esperienza sensoriale in formato XL per le date del 25 e 26 gennaio, 8 e 9 febbraio. Prenotatevi qui!

Una bella giornata, merita un bel ricordo

Non uscire dal Muba-Il Museao dei Bambini di Milano senza aver fatto prima un giretto tra gli scaffali della Libreria Rotonda Corraini… non sarà difficile trovare un libro da portarsi a casa come ricordo della giornata trascorsa al museo!

E la merenda?

Infine, dopo i giochi, i laboratori e la visita alla mostra Colore, c’è bisogno di una pausa rigenerante al Rotonda Bistrò, dove fare una merenda o gustarsi un pranzo a km zero, provare le specialità for kids e scoprire cosa c’è dentro i cestini da picnic… perché nelle giornate di sole, vale la pena  godersi anche la natura del giardino intorno al museo. Anche qui i bambini sono liberi di scatenarsi, si può correre nel prato o sfidarsi col monopattino sotto i portici.

Tenete presente che per le mostre, i laboratori e le attività a pagamento, è sempre meglio prenotare qui!

Commenti